Un anno senza Cala Cimenti

Fu travolto da una valanga sulle montagne del Sestriere. Amante della montagna a 360°, primo Snowleopard italiano, gli Ottomila, le discese con gli sci...

Un anno senza Carlalberto (Cala) Cimenti. Travolto da una valanga sulle montagne di Sestriere. Era  insieme a un amico, Patrick Negro. Avrebbe compiuto 46 anni dopo pochi giorni da quel tragico 8 febbraio. La tragedia durante un’escursione a Cima del Bosco, una montagna della Valle Argentera (Sauze di Cesana), vicino al confine con la Francia.

Carlalberto “Cala” Cimenti

Appassionato di montagna sin da bambino, all’età di 12 anni era sulla vetta del Monte Bianco. Pochi anni dopo il Kilimanjaro e alcui 6000 metri in Nepal.
Sportivo a 360 gradi, appassionato anche di ciclismo su strada, corsa in montagna, arrampicata, scialpinismo.
E gli ottomila e gli altri colossi: Cho Oyu nel 2005, Ama Dablam in solitaria no stop dal cb alla vetta in 26 ore nel 2010, Manaslu con discesa con gli sci nel 2011.
Nel 2017 il Dhaulagiri, sciandolo parzialmente, da 7000 mt in giù.

Nel 2018 Cala ha scalato il Laila Peak, secondo assoluto ad aver effettuato la discesa integrale sugli sci (dopo pochi giorni a un team francese).

Cimenti è diventato, nel 2015, il primo ed unico italiano ad avere conseguito l’onorificenza Snowleopard, raggiungendo tutte e 5 le montagne più alte (oltre 7000 metri) delle catene montuose del Pamir e del Tien Shan e, discendendole con gli sci.

Chiese a Erika Siffredi, nell’autunno 2018, di sposarlo a quota 5417 metri. Lui inginocchiato ai piedi di lei, in cima al Passo Renjo La.

Poi il Nanga Parbat, nel 2019 assieme ai russi Vitaly Lazo e Anton Pugovkin. Discesa con gli sci da poco sotto la cima.

Nel luglio 2019 sale con il medico Francesco Cassardo verso la vetta del Gasherbrum VII. Raggiunge la vetta (era inviolata) da solo. In discesa l’incidente, Cassardo precipita per 450 metri. Dopo una notte infernale, il giorno successivo i due alpinisti sono stati raggiunti da Denis Urubko, Don Bowie, Jaroslaw Zdanowich e Janusz Adamski.

In ricordo di Cala Cimenti

In ricordo di Cala Cimenti va avanti il progetto “Sdraiato in cima al mondo: una scuola per il Nepal”. A portarlo avanti – i lavori sono avanzando celermente – la moglie di Cala, Erika Siffredi. Una racoclta fondi per la ricostruzione di un plesso scolastico nella valle dell’Everest distrutto dal terremoto del 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*

Articoli correlati

Back to top button