Pubblicato il: mar, Feb 9th, 2016

Nanga Parbat, l’odissea di Tomek Mackiewicz

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
Il polacco vorrebbe fare un altro tentativo ma non ha nemmeno i soldi per pagare la scorta armata obbligatoria; ha avviato una raccolta fondi via web. E poi una volta su che farà?

mackiewicz

 

Ancora fermi ai box al nanga Parbat, i 4 alpinisti rimasti non possono salire in parete e starebbero al campo base. Ma oggi vogliamo focalizzare l’attenzione sul polacco Tomek Mackiewicz. Ebbene, da quel che si sa, è sempre al verde. Vuole tornare al campo base e tentare un’ultima volta la salita in vetta prima di tornare a casa e archiviare il discorso Nanga Parbat. Il problema? E’ che non ha i soldi nemmeno per pagare la scorta armata obbligatoria. Il permesso, quello ce l’ha; gli scade il prossimo 22 febbraio. Giusto il tempo di attendere una finestra di bel tempo e provare a salire come sa fare lui. L’anno scorso tornò a casa malconcio. Tentò una salita veloce con Elisabeth Revol ma dovettero arrendersi oltre i 7.000 metri e in discesa cadde in un crepaccio riportando varie ferite agli arti inferiori. Quest’anno ci ha riprovato; dalla via Messner-Eisendle, sempre con la francese. Niente da fare. Il freddo intenso e il maltempo in arrivo li ha fatti desistere. Quindi giù… Revol è tornata a casa, ma lui, a quanto pare, non ha nemmeno i soldi per tornare a casa e quindi ha avviato una raccolta fondi via web… evidentemente ancora non bastano! E, poi, ci chiediamo: una volta su, che farà? Si unirà alla squadra sulla Kinshofer? Andrà da solo sulla via tentata con la Revol?

 

Intanto, dell’americana Cleo Weidlich, arrivata al campo base del Rupal, nessuna notizia. Così come nessuna notizia dagli altri 4 alpinisti al campo base Diamir. Nemmeno una parola sulla partenza di Daniele Nardi. L’italiano ha abbandonato la spedizione per contrasti con Alex Txikon. E pensare che l’anno scorso Nardi partì proprio con Mackiewicz (poi sappiamo come andò a finire, col polacco e la francese che partirono da soli)… e se ci riprovassero insieme? Se si incontrassero lungo la via o chissà dove ad Islamabad e decidessero di provare insieme? Certo che quest’invernale ne ha avuti di colpi di scena… forse se ne conterà un altro?

 

© 2016, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*