A Yasushi Yamanoi il Piolet d’Or alla Carriera 2021

All'alpinista giapponese il Piolet d’Or alla Carriera n° 13. Poco conosciuto in Occidente, le sue imprese in stile alpino hanno fatto la storia...

Vero uomo d’onore, una sorta di Samurai contemporaneo.

Voytek Kurtyka

Piolet d’or 2021 alla carriera va al giapponese Yasushi Yamanoi. Visto dall’Europa, la visione dell’alpinismo giapponese può essere sottovalutato. Ma il Giappone ha una storia molto prolifica nell’esplorazione e nelle prime ascensioni, in particolare in Himalaya e Karakorum. In più in stile alpino.

Piolets d’Or Negli ultimi due decenni abbiamo assistito all’emergere di audaci salite in stile alpino da parte di giovani alpinisti giapponesi, ad esempio i membri dei “Giri Giri Boys”, Kazuya Hiraide, e la prima donna ad aver premiato la sua nuova via con un Piolet d’Or, Kei Taniguchi. Le loro salite hanno riscosso un notevole plauso e diverse sono state premiate coi Piolet.

Tuttavia, il nome di uno dei loro connazionali era conosciuto in tutto il mondo per la sua impressionante arrampicata in stile alpino prima del nuovo millennio. Il suo nome è Yasushi Yamanoi, forse non molto conosciuto in Occidente ma venerato nel suo Paese.

Iniziò ad apparire per la prima volta nelle riviste internazionali di alpinismo nella seconda metà degli anni ’80. Il viaggio di questo “vero uomo d’onore, una sorta di Samurai contemporaneo”, come ama definirlo Voytek Kurtyka, compagno di cordata, amico e Piolets alla Carriera, è un viaggio di grande avventura, successo e stile attraverso le principali arene di arrampicata di tutto il mondo.

Yasushi Yamanoi

Yasushi Yamanoi è nato nel 1965 e ha iniziato ad arrampicare, da solo, dopo essersi ispirato al film francese Mort d’un Guide. A 14 anni scalava già brevi vie di roccia, e al liceo ha salito in free solo molte vie di più tiri, portando altri attivisti a descriverlo come “l’uomo più vicino al paradiso”.
Dopo aver lasciato la scuola, Yamanoi si è concentrato sul miglioramento delle sue abilità su roccia, sforzandosi di diventare estremamente abile nell’arrampicata in fessura e nel duro artificiale. Dove altro andare a metà degli anni ’80 se non in America. Ha trascorso dai tre ai cinque mesi negli Stati Uniti ogni anno dal 1984 al 1987 [a volte lavorando in un ristorante di Los Angeles] ed è riuscito a portare a termine le salite di Cosmic Debris (5.13a) e il famigerato Sphynx Crack (5.13b) nella zona di South Platte in Colorado. In quel momento, era in free solo su vie di 5.11a.
Nel 1987 si reca sulle Alpi per effettuare la prima solitaria della Direttissima francese sul Dru. Ne è seguita una nuova via e una grande avventura, sempre in solitaria, sui 1.400m della parete ovest e della cresta nord del Monte Thor, Isola di Baffin.

 

LEGGI ANCHE I verdetti dei Piolets d’Or 2021

 

La prima invernale in solitaria del Fitz Roy

Poi nel luglio 1990 ha fatto la storia dell’alpinismo diventando la prima persona a salire in solitaria il Fitz Roy in inverno.

Alta quota

È entrato nel mondo dell’arrampicata in alta quota nel 1991, quando partecipa ad una spedizione giapponese che raggiunge la vetta del Broad Peak. Mentre l’esperienza lo ha convinto che non avrebbe mai più scalato con questo stile da pesi massimi, la spedizione ha avuto altri vantaggi: anche Taeko Nagao, una delle alpiniste più importanti del Giappone, ha raggiunto la vetta. Sarebbero diventati partner inseparabili, sposandosi nel 1996. L’anno successivo Yamanoi avrebbe scalato l’Ama Dablam durante l’inverno nepalese attraverso una nuova via sulla parete ovest e sulla cresta sud-ovest.
Nel dopo monsone del 1994, sul Cho Oyu, Yamanoi si è unito a un club estremamente d’élite, i cui pochi membri hanno aperto in solitaria una nuova via indipendente su una vetta di 8.000 m. Mentre Taeko, con un’altra donna Yuka Endo, ha effettuato la seconda salita della via Kurtyka-Lorétan-Troillet sulla parete sud-ovest, Yamanoi ha salito una nuova linea di 2.200m a sinistra. Arrivato in vetta prima della squadra femminile, Yamanoi ha dovuto trovare la sua strada lungo la via normale, che a quel tempo non aveva traccia. Ritiene che questa sia stata la sua salita più bella, anche se per l’arrampicata tecnicamente più difficile della sua carriera alpinistica cita la sua prima salita in solitaria della parete est del Kusum Kanguru nel 1998. Un ritorno in Karakoram nel 1995 ha portato alla prima salita del sud-ovest parete di Bublimotin, una parete di 800 m a 5.10 A3+ sopra la Valle di Hunza, Pakistan. È stata scalata in stile capsule in 12 giorni con Taeko e Daisaku Nakaga.

Il K2

Cinque anni dopo la coppia avrebbe unito le forze con Voytek Kurtyka per un tentativo sull’inviolata parete est del K2. Sconfitto su questo obiettivo dal maltempo, Yamanoi ha salito in solitaria lo sperone sud-sudest (la Via Cesen), raggiungendo la vetta in 48 ore, la salita più veloce della via all’epoca. Naturalmente, era senza ossigeno supplementare.

L’anno successivo i tre sono tornati per tentare la parete nord del Latok I, ma il tempo ha nuovamente interferito e hanno invece aperto una nuova via – Vertical Picnic (5.10 A2) – sul Biacherahi Central, salendo la parete sud in sei giorni.

In Perù

Yamanoi avrebbe lasciato il segno anche in Perù, dove nel 1997 ha aperto una nuova via in solitaria sulla parete sud-est di Huandoy Este, e nel 2013, con Masaru Noda, la prima salita della parete sud-est del Puscanturpa Este.

Il segno del Gyachang Kang

La spedizione del 2002 in Tibet per la seconda salita della Via Slovena sulla parete nord del Gyachang Kang, la quindicesima vetta più alta del mondo, raramente scalata, avrebbe cambiato la vita della coppia. L’arrampicata in puro stile alpino Taeko si è fermata a 7.600m, lasciando Yasushi a raggiungere la vetta da solo con il peggioramento del tempo. La discesa si è trasformata in una grande epopea di valanghe, perdita della vista e congelamento.
Al ritorno in Giappone entrambi hanno subito notevoli amputazioni (Taeko aveva già perso le dita su Makalu), con Yasushi che ha perso tutte le dita del piede destro e un totale di cinque dita. Tipicamente, prima dell’evacuazione da sotto la montagna, Taeko aveva fatto promettere a Yasushi che sarebbero tornati per rimuovere tutta la loro spazzatura, che non erano stati in grado di portare fuori. Il recupero è stato comprensibilmente lento, ma nel 2005 Yasushi è stato in grado di aprire una nuova via sulla parete nord del Potala Shan nel Parco Nazionale di Siguniang, in Cina.

E altro ancora…

Jiayou, salito in stile alpino in sette giorni di tempo generalmente cattivo, aveva 18 tiri fino a 5.8 A3+, anche se la vetta non è stata raggiunta.
Più tardi, con sua moglie e Satoshi Kimoto, sale Orca (1.250m, 5.10+ A2) sulle pareti rocciose di Milne Land, nella Groenlandia orientale, e nel 2011 perfeziona – in modo impressionanete – la sua arrampicata in fessura con la salita di Zombie Roof (5.13a) a Squamish.
La sua ultima salita in Himalaya, nel 2017 con Takaaki Furuhata [con il quale in precedenza era stato costretto a ritirarsi sull’ambita parete nord del Kangchung Nup nel Khumbu], è stata la prima del Rucho, una vetta di 5.970 m in India.

Ma dovremmo guardare oltre queste prime salite di successo per una notevole collezione di tentativi in ​​solitaria in uno stile eccellente. Il mese prima della sua salita dell’Ama Dablam, Yamanoi ha fatto un  bel tentativo su una nuova linea sui 1.200 metri della parete ovest del Mera Peak, in Nepal. I giapponesi hanno trascorso cinque giorni a scalare 26 tiri fino a UIAA VI e A4 prima di doversi ritirare quasi alla fine delle difficoltà quando il muro sopra è diventato bianco.
Si ritirò da 7.000 m sulla parete est (ancora inviolata) del Gasherbrum IV, da 7.300 m sul Makalu perché colpito da una pietra sulla parete ovest (inviolata), dalla parete ovest del Karjiang, una vetta di 7.000 m sul Tibet-Bhutan, raramente visitata e dalla cresta nord-ovest (ancora inviolata) del Tahu Ratum nel Karakorum.

Il suo stile

Yasushi Yamanoi ha generalmente adottato uno stile di vita umile, vivendo in origine una vita semplice durante i mesi invernali con il reddito guadagnato come facchino sul Monte Fuji. Questo e il suo carisma sono fattori che lo hanno reso caro a molti alpinisti, non solo in Giappone ma anche in Corea del Sud. La sua autobiografia del 2004, Vertical Memories, scritta durante la sua convalescenza per congelamento, è divenuta molto popolare in Giappone, ma il libro del 2005, Frozen, del famoso autore giapponese, Kotaro Sawaki, sulla sopravvivenza sul Gyachung Kang, è diventato un best seller e ha reso famoso il nome di Yamanoi. conosciuto in Giappone a chi non appartiene alla comunità dell’arrampicata.

Nel 2011 ha ricevuto il secondo premio Piolets d’Or Asia alla carriera.

 

Piolets d’Or Da solo, in coppia o con gli amici, l’arrampicata di Yasushi Yamanoi ha mostrato grande creatività, impegno e resilienza. Il suo stile minimalista e le sue salite spesso discrete hanno aperto la strada ai giovani scalatori giapponesi per operare in stile alpino. Insieme ad un grande rispetto per l’ambiente attraverso il quale ha viaggiato, queste qualità fanno di Yasushi Yamanoi un degno destinatario del 13° Premio alla Carriera.

 

Piolet d’Or alla Carriera

  • 2009: Walter Bonatti
  • 2010: Reinhold Messner
  • 2011: Doug Scott
  • 2012: Robert Paragot
  • 2013: Kurt Diemberger
  • 2014: John Roskelley
  • 2015: Chris Bonington
  • 2016: Wojciech Kurtyka
  • 2017: Jeff Lowe
  • 2018: Andrej Stremfelj
  • 2019: Krzysztof Wielecki
  • 2020: Catherine Destivelle
  • 2021: Yasushi Yamanoi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button