Magico Fitz Roy

Montagna della Patagonia, montagna simbolo del Pianeta. Fu scalata per la prima volta da Terray e Magnone, in vetta il 2 febbraio 1952

Il Fitz Roy (noto anche come Cerro Chaltén), una delle montagne simbolo del pianeta. Il Fitz Roy è  una montagna situata in Patagonia, nel confine tra l’Argentina e il Cile. Dal lato argentino integra il parco nazionale Los Glaciares, nella provincia di Santa Cruz, e dalla parte cilena, forma parte del parco nazionale Bernardo O’Higgins. Raggiunge un’altezza di 3.405 metri sul livello del mare.

Descrizione

Il nome Chaltén deriva dalla parola in lingua aoniken che significa la montagna che fuma (a causa delle frequenti nuvole che si addensano sulla sua sommità), e il popolo mapuche la considerava una montagna sacra. Cerro Chaltén è il simbolo della provincia di Santa Cruz, ed è rappresentato nella sua bandiera e nel suo stemma.

Francisco Perito Moreno la battezzò Fitzroy nel 1877 in onore dell’esploratore Robert FitzRoy.

Prima salita

Il monte Fitz Roy è stata scalato per la prima volta dall’alpinista francese Lionel Terray accompagnato da Guido Magnone nel 1952 (il 2 febbraio in vetta), nella spedizione che causò la morte del grande alpinista Jacques Poincenot. Il quale morì annegato nel Rio Fitz Roy. Terray e Magnone decisero di continuare, non si arresero e affrontarono innumerevoli insidie di quella terra. Prima di tutte il vento: in quei giorni soffiavano a circa 200 km/h. Alla fine ce la fecero…

Nonostante la sua bassa altitudine, il monte Fitz Roy è considerato di difficile ascesa, ed il granito molto compatto di cui è composta, oltre alle condizioni climatiche generalmente estreme, richiede un elevato livello di esperienza alpinistica. Per questo le scalate non sono frequenti.

Nel 2015 gli statunitensi Tommy Caldwell e Alex Honnold hanno compiuto la traversata della catena del FitzRoy, aggiudicandosi per questo un Piolets d’Or.

LEGGI ANCHE

Lionel Terray, il velocista e leggendario alpinista francese

Guido Magnone, l’alpinista scultore primo sul Fitz Roy

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button