Qual è l’equipaggiamento di un alpinista per una invernale sugli Ottomila?

Vediamo come ha preparato Sergi Mingote l'invernale al K2 con il brand Millet

L’invernale al K2 è ormai entrata nel vivo. Sulla montagna, già da qualche giorno, c’è l’islandese John Snorri con Ali Sapdara e il figlio di quest’ultimo. Le altre spedizioni arriverano a breve. Ci sarà quella dei soli sherpa, ci sarà Nirmal Purja. Ci sarà il team di Seven Summit Treks. In quest’ultima figura lo spagnolo Sergi Mingote, come vice capospedizione. Avrà le redini di comando sulla montagna.

Ma come si si preparano gli alpinisti per affrontare una invernale sugli Ottomila? Qual è l’equipaggiamento utilizzato?

Qual è l’equipaggiamento di Sergi Mingote?

Sergi Mingote ha collaborato strettamente con Millet per sviluppare i prodotti per la spedizione della gamma MXP, capaci di fronteggiare il freddo e i venti glaciali che soffiano sulla seconda vetta più alta della Terra (8.611 m).

L’ascensione del K2, vetta prestigiosa per le sue difficoltà tecniche e la sua altitudine, diventa una sfida ancora più ambiziosa in condizioni invernali. Non sorprende quindi che il K2 sia l’unica delle 14 vette di 8.000 m a non esser mai stata conquistata dall’Uomo in inverno.

Dopo la partenza il 19 dicembre, un avvicinamento fino al campo base a fine dicembre e un periodo di acclimatazione a gennaio, Sergi Mingote, leader del team internazionale di himalaysti composto dall’agenzia Seven Summit Treks, dovrebbe probabilmente tentare l’ascensione finale a febbraio 2021.

A prescindere dall’esito della spedizione, Sergi Mingote ha deciso di tornare all’inizio di marzo, per rispettare scrupolosamente il periodo considerato invernale per questa vetta. Non contento di sfidare le difficoltà tecniche, il freddo, il vento e l’altitudine del K2, desidera anche – come per tutti gli altri 8.000 che ha scalato – realizzare l’ascensione integralmente in stile alpino, senza l’aiuto di sherpa, senza corde fisse e senza l’uso di ossigeno.

 

Sergi Mingote Ho testato l’equipaggiamento che Millet ha studiato per me la scorsa settimana a Cervinia  e ogni mia aspettativa è stata superata. Lavorando a 4 mani con il team di Annecy, abbiamo concordato una serie di modifiche e scelto i materiali più performanti per affrontare le condizioni estreme del K2 in inverno, il freddo e soprattutto il vento.
Millet ha avanzato proposte innovative che sono state implementate con successo sull’equipaggiamento della spedizione.
In particolare, la tuta da spedizione Trilogy MXP Down Suit che fa già parte della collezione Millet per gli 8000 è stato ottimizzata per trattenere ulteriormente il colore del corpo, ma abbiamo lavorato anche sul comfort e la resistenza dei materiali per affrontare questa spedizione estrema.

 

Una spedizione mitica per il centenario di Millet

Questa grande spedizione cade nei festeggiamenti del centenario di Millet, partner di Sergi Mingote. È un’occasione unica per celebrare i 100 anni del marchio di Annecy.

 

 

TRILOGY MXP DOWN SUIT M

Progettata per le temperature estreme come quelle che caratterizzano il K2 in inverno, la tuta in piuma d’oca è la più isolante che Millet abbia mai realizzato.

Isolamento: piuma idrofoba K DRYTM THERMADOWN O2+ GOOSE DOWN RDS FP 1000 La tuta precedente possedeva un isolamento composto da piume d’oca (90%) e piumette d’oca (10%), con un potere gonfiante (FP = Fill Power) pari a 800. Scegliendo piume e piumette di prima qualità, il potere gonfiante pari a 1.000 permette di immagazzinare più aria e quindi di procurare più calore, mantenendo lo stesso peso.

Il produttore Allied Feather ci spiega come funziona la nuova tecnologia Therma Down O2+:

Combiniamo l’efficacia della piuma naturale con i vantaggi di una coperta di sopravvivenza. Il calore corporeo che viene riflettuto grazie alle piastrine riflettenti aggiunte alla piuma è convertito in energia ad infrarossi. Questa energia interagisce con il sistema vascolare e aiuta il corpo a percepire più calore e apporto di ossigeno nei muscoli, grazie a una microcircolazione migliorata. La tecnologia Therma Down O2+ procura quindi più calore a fronte di un peso ridotto, aumenta la termoregolazione e permette un recupero fisico più rapido attraverso la riflessione dell’energia ad infrarossi.

Pelliccia: coyote Nonostante Millet abbia abbandonato l’uso di pellicce animali da diversi anni per evidenti questioni di rispetto del benessere animale, Sergi Mingote desiderava aggiungere pelliccia di coyote, unico materiale che non gela, oltre alle sue proprietà naturali di calore e tagliavento. Il viso, le mani e i piedi sono le parti del corpo più sensibili al gelo.

Chiusura lampo: apertura centrale che passa sotto le gambe Sergi Mingote ha notato che l’attuale sistema di chiusura del colletto tramite velcro gelava spesso in alta quota oltre gli 8.000 m, impedendo la chiusura e quindi la protezione del viso. Abbiamo quindi modificato il colletto con un sistema di chiusura centrale classico, senza velcri supplementari.

 

LEGGI ANCHE Intervista a Sergi Mingote

 

Inoltre, sono state aggiunte 3 coulisse invece di 2. Ciò consente di aprire solo una piccola parte della tuta (per accedere alle tasche interne o fare i propri bisogni) senza doverla aprire integralmente e lasciare entrare il freddo. Infine, la cerniera lampo centrale passa ora sotto le gambe per poter fare comodamente i propri bisogni.

Tasche interne: aggiunta di tasche interne a zip Sergi Mingote desiderava poter riporre in totale sicurezza un drone, una piccola telecamera e altri oggetti di valore. Oggi la tuta è dotata di 5 tasche, tutte chiuse con una zip per una maggiore sicurezza.

Peso: 1890 gr

TRILOGY MXP POWERWOOL SUIT M

Sergi Mingote desiderava una tuta primo strato da indossare direttamente sulla pelle. Questo primo strato doveva essere caldo e traspirante, per evacuare rapidamente il sudore e non avere freddo.

È stata creata una nuovissima tuta, ispirata al design delle nostre tute di sci alpinismo.

Materiale: Polartec® Power Wool™ Questa maglia rivoluzionaria combina il meglio delle due tecnologie, associando fibre naturali e sintetiche, senza mischiarle. Infatti, la costruzione mélange spesso porta a una diminuzione delle proprietà intrinseche di ogni materiale che la compone. Questa tuta unica è realizzata a partire da lana merino estremamente delicata, che assorbe poco i cattivi odori, mentre il tessuto esterno è in materiale sintetico per una lunga durata.

Chiusura lampo: apertura centrale che passa sotto le gambe La chiusura lampo centrale passa sotto le gambe per poter fare comodamente i propri bisogni, come per la TRILOGY MXP DOWN SUIT M.

Tasche esterne: tasche esterne sul petto in rete estensibile Sergi Mingote desiderava poter riporre i propri oggetti senza zip, per potervi accedere direttamente e facilmente.

Peso: 1890 gr

MXP TRILOGY DOWN MITTEN

Sono state aggiunte piume d’oca e piumette d’oca per aumentare il calore della manopola.

Le piume hanno ricevuto lo stesso trattamento Therma Down O2+, come per l’isolamento della TRILOGY MXP DOWN SUIT M.

Isolamento: piuma idrofoba K DRYTM THERMADOWN O2+ GOOSE DOWN RDS FP 800

SACCO A PELO

TRILOGY ULTIMATE

Supremazia termica al campo base in occasione delle spedizioni più impegnative, questo sacco a pelo d’alpinismo è imbottito con almeno 1.300 gr di piuma d’oca grigia, che garantisce una temperatura di comfort tra le più elevate del mercato. Per le notti in condizioni estreme e le temperature negative ai limiti dei 2 poli, procura un comfort termico senza pari ed un profilo esteso per poter dormire con l’equipaggiamento. Per rimanere concentrati sull’essenziale a -40°C, il trattamento K-DRYTM idrofobo della piuma e la costruzione 3D integrale di questo sacco a pelo d’alpinismo ottimizzano l’isolamento e permettono di resistere a lungo agli assalti dell’umidità.

Peso: 1950 gr

Allo scopo di aumentare ulteriormente il calore del TRILOGY ULTIMATE, è stato proposto a Sergi Mingote l’aggiunta di un sovrasacco, idrorepellente e foderato, con un isolamento sintetico allo stesso tempo. Questo prototipo di sovrasacco era stato sviluppato su richiesta del Gruppo Militare d’Alta Montagna (GMHM) per una spedizione invernale in Groenlandia.

Indubbiamente, la leggerezza e la comprimibilità del sovrasacco saranno di grande aiuto per i campi avanzati lungo la via per raggiungere la vetta del K2.

CALZATURE

EVEREST SUMMIT GTX

Prodotto iconico del brand, l’Everest è il modello di riferimento per le spedizioni oltre gli 8.000 metri. La calzatura di tutti i record e dei superlativi, di qualità “Hand Made in Italy”, occupa un posto di primo piano nella storia dell’alpinismo. Questo prodotto “4 stagioni” è progettato per gli inverni estremi e le spedizioni in alta quota. Garanzia di protezione fino a -60°C, la Everest Summit è la più utilizzata per le spedizioni estreme, grazie al fit generoso che rende la calzata estremamente agevole. Non è necessario avere un piede affusolato per approfittare dell’eccellente rapporto performance/ precisione.

Per procurare maggior calore a Sergi Mingote, è stato aggiunto un plantare in isolamento Primaloft®.

Materiali: membrana Gore-Tex® // suola Vibram® Marmolada Light Caratteristiche tecniche:

Costruzione termica – sovrascarpa + scafo + scarpetta isotermica -60°C / Ghette ermetiche, tomaia antiperforazione, chiusura a zip sotto velcro retroriflettente / Tessuto Armour Edge all’interno per proteggere dagli urti dei ramponi / Scafo interno isotermico

Peso: 1330 gr

© 2020 – 2021, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button