I Ragni partiti per l’inviolata parete del Bhagirathi IV

I componenti della spedizione, Matteo Della Bordella, Luca Schiera e Matteo De Zaiacomo e Arianna Colliard, in qualità di film maker e fotografa, sono “decollati” verso l’Himalaya. L’obiettivo è l’inviolata parete del Bhagirathi IV, una  big wall di oltre 800 metri di sviluppo la cui sommità supera abbondantemente quota 6000

ragni di lecco

 

Per i Ragni di Lecco ieri domenica 16 agosto è iniziato il “progetto Bhagirathi”. I componenti della spedizione, Matteo Della Bordella, Luca Schiera e Matteo De Zaiacomo e Arianna Colliard, in qualità di film maker e fotografa, sono “decollati” verso il l’Himalaya.

L’obiettivo è l’inviolata parete del Bhagirathi IV, una  big wall di oltre 800 metri di sviluppo la cui sommità supera abbondantemente quota 6000.

Quali siano le aspettative e le emozioni del gruppo alla vigilia di questa nuova avventura lo spiega molto bene lo stesso Matteo Della Bordella, nel post pubblicato nei giorni scorsi sul sito dei Ragni: http://ragnilecco.com/bhagirathi-si-parte/

 

Il gruppo del Bhagirathi si trova in India: una serie di vette, tutte al di sopra dei 6.000 metri (la più elevata il Bhagirathi I 6.856 metri) considerate sacre dal popolo indiano. Il periodo migliore per le salite è ovviamente la primavera-estate, si parte da maggio, giugno e settembre.  Il massiccio prende il nome dal fiume turbolento nello Stato del Uttarakhand; è il tratto iniziale del Gange. Da qui la sacralità per l’Induismo.

Da queste parti, nel 2011 Daniele Nardi e Roberto Delle Monache hanno aperto una nuova via tra il Bhagirathi III (6457m) ed il Bhagirathi IV (6193m).

 

© 2015, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button
Close