L’orsa Amarena e i 4 cuccioli a spasso in Abruzzo. Ma il Pnalm mette in guardia

Il Pnalm: "Attenzione e responsabilità. Riflettiamo un momento prima di prendere il telefono"

Il Pnalm in difesa dell’Orsa Amarena e dei suoi 4 cuccioli. Mamma orsa e piccoletti ormai da tempo vanno gironzolando per i borghi abruzzesi, tra la curiosità di tanti. Il Comune di Villalago già lo scorso fine giugno decise di chiudere le strade al traffico. Troppa gente. Troppe macchine fotografiche mentre mamma orsa e cuccioli scendevano in paese alla ricerca di cibo e acqua.

Da allora orsa e piccoli continuano ad andar gironzolando e da Villalago si sono spostati anche in altri centri abruzzesi. Tante le foto e i video che in questo mese stanno circolando su web e social.

Ma bisogna fare attenzione, il perché ce lo dice il Parco.

Il futuro di Mamma Amarena e dei suoi 4 cuccioli dipende da noi! Parchi, istituzioni, associazioni, comunità locali e turisti sono tutti chiamati a prestare la massima attenzione e ad agire con il massimo della responsabilità.
Dobbiamo riflettere e ponderare ogni nostro piccolo passo. Il potenziale delle nostre azioni è inimmaginabile: possiamo davvero fare la differenza, in negativo, come in positivo.
Capiamo che la maggior parte delle persone è mossa da curiosità e da buone intenzioni, ma è davvero facile cadere in errore e diventare motivo di disturbo e di pericolo per l’orsa… Con questo video non vogliamo assolutamente stigmatizzare e demonizzare il comportamento delle persone coinvolte, vorremmo solo che tutti si soffermassero a riflettere per un momento, prima di correre a usare il telefono…
Abbiamo la possibilità di fare la differenza, il futuro dell’orso è OGGI…
Prima di agire, pensiamo alle possibili conseguenze delle nostre azioni.
Insieme, per l’orso!

 

leggi anche Lezione di convivenza: orsa coi 4 cuccioli a spasso per le vie di Villalago

 

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button