Sarà un inverno “caldo” sugli Ottomila

Manca poco per l’inverno e gli alpinisti sono in rampa in lancio. Sarà un inverno “caldo” sugli Ottomila. Ormai è quasi tutto delineato, regna ancora l’incertezza per il team formato da Hervé Bamasse e David Gottler

Cho Oyu

Il gruppo per il Cho Oyu è già arrivato al campo base, il team ha deciso di tenere in conssiderazione l’inverno meteorologico che decorre anche con i permessi di scalata. Loro sono Kristin Harila, Gelje Sherpa e Adriana Brownlee, più 5 sherpa. Pare che vogliano tentare senza ossigeno supplementare. Hanno già tentato in autunno ma hanno dovuto arrendersi per le condizioni della montagna e del meteo. Staremo a vedere.

LEGGI ANCHE Gelje Sherpa ritenta il Cho Oyu per diventare il più giovane sui 14 Ottomila

Manaslu

Al Mansslu, per la 5^ volta, torna Simne Moro. Partirà per il Nepal il 16 dicembre e si acclimaterà in solitaria nella valle del Khumbu. Poi lo raggiungerà Alex Txikon, già in Nepal per vari progetti. Il basco è stato al campo base del Makalu con SOS Himalaya, poi è ripartito per il cb dell’Everest con Zalla Javier Lopez, affetto da una paralisi celebrale per un progetto solidale.

LEGGI ANCHE Simone Moro e Alex Txikon tornano al Manaslu questo inverno

Barmasse e Gottler: quale 8000?

Hervé Barmasse è già in Nepal ed ha avuto il problema con lo smarrimento di alcuni bagagli. A breve dovrebbe arrivare a Namche Bazaar. David Gottler ha anticipato la partenza e si sta allenando nella valle del Khumbu. I due non hanno svelato quale sarà l’8000 della loro invernale: Annapurna, Dhaulagiri o Nanga Parbat? La sfida è dura, bella: la prima salita in stile alpino in inverno di un 8000.

LEGGI ANCHE Hervé Barmasse e David Göttler tentano l’invernale su un Ottomila in puro stile alpino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Back to top button