Pubblicato il: gio, Lug 30th, 2015

Alpinismo ed escursioni in alta montagna: 10 consigli delle Guide Alpine

sms_solidale_944
Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail
In estate in tantissimi si riversano in montagna: ecco 10 buoni consigli delle Guide Alpine Italiane per godere delle alte quote con un atteggiamento consapevole e responsabile

C'è quello giusto per ogni disciplina

 

L’escursionismo estivo in alta montagna o alpinismo conta ogni anno un vasto numero di appassionati che vanno alla scoperta di ambienti unici e di grande bellezza. Si tratta tuttavia di un’attività che presenta dei rischi e che richiede quindi abilità e competenze da non sottovalutare: per esempio la capacità di muoversi con sicurezza su terreni rocciosi e nevosi, di arrampicare su roccia e di percorrere ghiacciai, oltre a conoscere l’uso della corda e delle principali manovre di sicurezza. È inoltre necessario avere buone basi di orientamento, di topografia e di meteorologia, di autosoccorso e di primo intervento. Ecco 10 buoni consigli delle Guide Alpine Italiane per godere delle alte quote con un atteggiamento consapevole e responsabile.

 

“L’escursionismo in alta montagna anche sui terreni più semplici richiede esperienza e conoscenze ambientali che non vanno assolutamente sottovalutati – spiega Andrea Sarchi, presidente della Commissione Tecnica nazionale del Collegio Nazionale delle Guide Alpine Italiane -. L’impegno varia in relazione agli obiettivi che ci si prefigge e quindi in relazione alla lunghezza e alla difficoltà degli itinerari, ma in generale per percorrere terreni di montagna bisogna avere una preparazione fisica di base adeguata e una buona abitudine a svolgere attività sportiva all’aria aperta. È inoltre necessario avere acquisito molteplici capacità che vanno sedimentate con la pratica e l’esperienza: per imparare è molto importante rivolgersi a dei professionisti, quali le Guide Alpine, che propongono corsi di avviamento e di perfezionamento organizzati con modalità e caratteristiche differenti a seconda dell’ubicazione della scuola e degli obiettivi che si prefiggono. Anche il CAI propone ai suoi soci corsi di alpinismo nei limiti previsti dalla legge, avvalendosi a tale scopo di istruttori nazionali o regionali appositamente formati”.

“La pratica alpinistica è per definizione un’attività che presenta dei rischi mediamente più elevati di altre attività sportive – continua Sarchi – essenzialmente in quanto impone una corretta relazione tra l’uomo e l’ambiente dell’alta montagna che deve essere basata su regole dettate e suggerite dall’esperienza e dal buon senso. La frequentazione di ambienti naturali ci impone di conoscerne i ritmi e i meccanismi e di rispettarli in modo rigoroso. Il passaggio dell’uomo dovrebbe essere fatto in punta di piedi senza lasciare alcuna traccia. Solo così le generazioni future avranno la possibilità di godere della stessa fortuna”.

 

Ecco allora 10 buoni consigli delle Guide Alpine Italiane per praticare l’alpinismo con un approccio prudente e responsabile:

  1. Decidete i vostri obiettivi dopo una attenta valutazione delle vostre condizioni psico-fisiche, delle vostre capacità ed esperienza e di quelle dei componenti del gruppo con cui si organizza l’escursione.
  2. Preparate in maniera accurata la vostra escursione valutando, le previsioni meteo, la topografia del luogo, i punti di appoggio (rifugi e bivacchi), la lunghezza, il dislivello, la difficoltà tecnica, i tempi di percorrenza.
  3. Prendete informazioni, dai numerosi siti che descrivono gli itinerari, dai bollettini nivo-meteorologici, dagli uffici delle Guide Alpine locali, dagli Uffici turistici, dai gestori dei rifugi e consultate le carte topografiche del luogo.
  4. Valutate attentamente le condizioni dei terreni che avete in programma di percorrere, tenendo presente le condizioni del clima e gli effetti che questo produce soprattutto sui ghiacciai e sulla solidità e stabilità delle pareti rocciose, di misto e di ghiaccio.
  5. Siate a conoscenza e padroni delle tecniche di utilizzo dell’attrezzatura che usate, come corda piccozza e ramponi, e delle manovre più frequenti come, approntare le soste, le procedure di assicurazione, le calate, la progressione a corda corta e le manovre di autosoccorso base.
  6. Dotatevi dell’abbigliamento e delle calzature appropriate al tipo di gita che volete affrontare tenendo in seria considerazione che le condizioni della montagna possono variare drasticamente in maniera repentina.
  7. Utilizzate l’attrezzatura tecnica necessaria allo svolgimento della gita senza dimenticare un kit di emergenza (telo termico, pronto soccorso).
  8. Ricordatevi di alimentarvi con cibi leggeri ed energetici e idratatevi con bevande arricchite di sali minerali.
  9. Prenotate con buon anticipo i rifugi e mantenete un comportamento appropriato e rispettoso durante la vostra permanenza. Informatevi sulle condizioni dei bivacchi di alta quota. Portate a casa i vostri rifiuti.
  10. Siate informati sulla copertura telefonica dei luoghi che si frequentano, potreste avere la necessità urgente di allertare il soccorso organizzato (118/112)

 

© 2015, ALL RIGHTS RESERVED.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedintumblrmail

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox
Inline
Please enter easy facebook like box shortcode from settings > Easy Fcebook Likebox