Ragni di Lecco, in libreria una lunga storia di avventure

I Ragni di Lecco presentano il libro (256 pagine tra testo e immagini) sulla loro grande storia alpinistica

I Ragni di Lecco in libreria. A partire da  martedì 23 giugno sarà disponibile in tutte le librerie italiane il libro “I Ragni di Lecco – una storia per immagini” edito da Rizzoli e realizzato da Serafino Ripamonti, giornalista e membro del gruppo alpinistico.

Il libro dei Ragni di Lecco

256 pagine testo e immagini che ripercorrono la storia dei Ragni dalle origini (1946) sino alle recenti avventure in Patagonia e al Bhagirathi IV.
Il nuovo libro dedicato ai Ragni di Lecco è ormai pronto per la distribuzione nelle librerie.

È trascorso quasi un quarto di secolo dalla pubblicazione della prima e unica opera dedicata alla storia dei Ragni, realizzata nel 1996 da Alberto Benini, in occasione del 50esimo anniversario di fondazione del Gruppo.

I Ragni Le pagine del libro raccontano 74 anni fatti di grandi avventure e personaggi ormai entrati nella storia dell’alpinismo mondiale.
Cercando però di tenere sempre in evidenza quell’identità che, pur nel cambiamento dei tempi e della società, e a volte con momenti di forte conflittualità, continua a rappresentare i Ragni e il loro modo di vivere la scalata.
L’essere, appunto, un gruppo, una realtà in cui il confronto fra le generazioni, la condivisione di una tradizione e la collaborazione comune sono il viatico per realizzare sogni che probabilmente sarebbero preclusi ai singoli.

Ad arricchire il fascino di questo racconto contribuiscono le numerose immagini provenienti dall’archivio storico.

I Ragni Un ringraziamento speciale va ai nostri “senatori”. Che, anche in questa occasione, sono stati pronti ad aprire i cassetti della loro memoria, dai quali sono usciti, più vividi che mai, i ricordi delle avventure vissute sulle montagne più belle e più difficili del mondo. Non ci resta che augurare a tutti una buona lettura, auspicando che quest’opera possa rappresentare un contributo alla conservazione e alla promozione di quella cultura della montagna e dell’alpinismo che rappresenta un prezioso elemento di identità. Per il territorio lecchese e di cui i Ragni, con la loro storia, sono frutto.

 

La scheda

La lunga storia di un gruppo di uomini uniti da un comune entusiasmo irrefrenabile per la montagna e dalla volontà di trasmettere l’esperienza e le conoscenze acquisite alle nuove generazioni.

Una tradizione e una passione che consentono ai Ragni di oggi di scalare le montagne di ogni angolo della terra stando ben saldi sulle spalle di coloro che li hanno preceduti.

Il maglione rosso dei Ragni di Lecco

I Ragni di Lecco sono il più antico e prestigioso gruppo italiano di scalatori. Il celebre maglione rosso con lo stemma del ragno a sette zampe è legato alle salite più difficili sulle montagne di tutto il mondo. Dalle pareti alpine alle tempestose cime patagoniche, fino alle altissime quote himalayane.

I nomi più celebri sono quelli di Riccardo Cassin, Carlo Mauri, Casimiro Ferrari e di altri che hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell’alpinismo e dell’avventura.

leggi anche Valentina Arnoldi, nuova promessa dell’arrampicata. A 14 anni il primo 8a+

 

In questo volume illustrato si intrecciano le storie quotidiane d’amicizia e passione per la montagna e le imprese storiche. A partire dal 1946 fino ai giorni nostri, con le scalate di Matteo Della Bordella e di tanti giovani di oggi. Che praticano l’alpinismo ai massimi livelli, aggiungendo nuove pagine alla storia del gruppo, e che conservano uno speciale gusto per l’avventura e un pizzico di romanticismo.

L’autore

Serafino Ripamonti (Merate, 1972) si occupa di giornalismo e comunicazione nel settore degli sport di montagna e del turismo outdoor. Entra nei Ragni della Grignetta nel 2001 e prende parte alla spedizione alpinistica K22004, organizzata in occasione dei cinquant’anni dalla prima salita del K2.

È inoltre curatore dei contenuti storici e scientifici dell’Osservatorio Alpinistico Lecchese, il museo multimediale che il Comune di Lecco ha creato nel 2016 per promuovere la tradizione alpinistica del territorio.

© 2020, copyright. All rights reserved.
Per segnalazioni, errori o imprecisioni scriveteci a: redazione@mountlive.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Articoli correlati

Back to top button